Home Page
Benvenuto nel sito "www.studiolivoli.it"

 

 

     Anteprima       

 

CONDOMINIO ONLINE 


Tutti i Condominii gestiti dallo Studio Livoli sono pubblicati on-line per consentire la più rapida, efficiente, 

aggiornata ed economica consultazione e comunicazione tra i Sig.ri Condòmini e lo Studio.  

A ciascun Condòmino che si registrerà al sito saranno comunicati i propri dati personali di Login e Password 

per l'accesso all'area riservata. L'accesso ai dati amministrativi e contabili del proprio condominio

e della propria/e unità immobiliare/i è consentito solo attraverso il servizio "Mio Condominio".   

 
Condominio ON LINE

Tutti i Condominii gestiti dallo Studio Livoli sono pubblicati on-line per consentire la più rapida, efficiente, aggiornata ed  economica consultazione e comunicazione tra i Sigg.ri Condòmini e lo Studio.

 

 
ACCEDI A MIOCONDOMINIO

MioCondominio - STUDIOLIVOLI


<<ACCEDI AL TUO CONDOMINIO ON-LINE>>

 

 (cliccare su "ACCEDI AL TUO CONDOMINIO ON-LINE" ed inserire le credenziali fornite dall'amministratore)

 

 Immagine attiva

 
Codice catastale errato sui modelli F24 per il recupero della Tari 2015 a Terracina

La precisazione del Dipartimento Finanzario del Comune di Terracina.

“Si avvisano i contribuenti che il modello F24 allegato all’avviso di accertamento per omesso o insufficiente versamento della Tari anno 2015 – fa sapere con una nota il Dipartimento Finanziario del Comune di Terracina -, contiene un codice catastale errato, riferito ad altro Comune. Il disguido è imputabile ad un mero errore di migrazione dati per il quale ci scusiamo. Facciamo presente che si è già provveduto all’inoltro, mediante servizio postale, della ristampa dell’avviso e della versione corretta del modello F24 da utilizzarsi per il pagamento.

 Si precisa, inoltre, che gli avvisi emessi e recapitati sono validi, anche alla luce del D.L. 17 marzo 2020, n.18, convertito con modificazioni dalla legge 24 aprile 2020 n. 27 che, all’art. 67, ha previsto la sospensione dall’8 marzo al 31 maggio dei termini di tutte le attività di liquidazione, controllo, accertamento, riscossione e di contenzioso da parte degli enti impositori, spostando così in avanti di 85 giorni i termini di prescrizione e decadenza delle predette attività.

Qualora si fosse provveduto al pagamento con il modello F24 contenente l’errore, si prega di volerne trasmettere copia all’Ufficio Tributi che provvederà alla contabilizzazione e alla regolarizzazione del pagamento effettuato. Si è già provveduto a contattare il Comune titolare del codice catastale erroneamente indicato e si è convenuto che gli importi già versati dai contribuenti terracinesi verranno prontamente stornati in favore del Comune di Terracina.

L’Ufficio Tributi, in particolare il Servizio Tari, resta a disposizione per qualunque chiarimento ai seguenti recapiti: Tel: 0773.707388, 0773.707377, 0773.707373, 0773.707352 Fax: 0773.707380; e-mail: Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo ”.

 
SUPERBONUS 110%

Il Superbonus spetta nel caso di interventi di isolamento termico delle superfici opache verticali, orizzontali (coperture, pavimenti) e inclinate delimitanti il volume riscaldato, verso l’esterno, verso vani non riscaldati o il terreno che interessano l'involucro dell'edificio, anche unifamiliare o dell’unità immobiliare sita all'interno di edifici plurifamiliari che sia funzionalmente indipendente e disponga di uno o più accessi autonomi dall’esterno, con un’incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda dell’edificio medesimo e che rispettano i requisiti di trasmittanza “U” (potenza termica dispersa per m2 di superficie e per grado Kelvin di differenza di temperatura), espressa in W/m2K, definiti dal decreto del Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze e del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti del 6 agosto 2020. Gli interventi per la coibentazione del tetto rientrano nella disciplina agevolativa, senza limitare il concetto di superficie disperdente al solo locale sottotetto eventualmente esistente. I materiali isolanti utilizzati devono rispettare, inoltre, i criteri ambientali minimi di cui al decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 11 ottobre 2017.

Per tali interventi il Superbonus è calcolato su un ammontare complessivo delle spese non superiore a:

• 50.000 euro, per gli edifici unifamiliari o per le unità immobiliari funzionalmente indipendenti site all’interno di edifici plurifamiliari

• 40.000 euro, moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio, se lo stesso è composto da due a otto unità immobiliari

• 30.000 euro, moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio, se lo stesso è composto da più di otto unità immobiliari.

Questo implica che, per esempio, nel caso in cui l’edificio sia composto da 15 unità immobiliari, il limite di spesa ammissibile alla detrazione è pari a 530.000 euro, calcolato moltiplicando 40.000 euro per 8 (320.000 euro) e 30.000 euro per 7 (210.000 euro). 

Sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale sulle parti comuni

Si tratta degli interventi effettuati sulle parti comuni degli edifici, di sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati destinati al riscaldamento, al raffrescamento nel caso che si installino pompe di calore reversibili e alla produzione di acqua calda sanitaria, dotati di: • generatori di calore a condensazione, con efficienza almeno pari alla classe A di prodotto prevista dal regolamento delegato (UE) n. 811/2013 della Commissione del 18 febbraio 2013 • generatori a pompe di calore, ad alta efficienza, anche con sonde geotermiche • apparecchi ibridi, costituiti da pompa di calore integrata con caldaia a condensazione, assemblati in fabbrica ed espressamente concepiti dal fabbricante per funzionare in abbinamento tra loro • sistemi di microcogenerazione, che conducano a un risparmio di energia primaria (PES), come definito all'allegato III del decreto del Ministro dello sviluppo economico 4 agosto 2011, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 218 del 19 settembre 2011, pari almeno al 20% • collettori solari. 

 
SUPERBONUS 110%: opzione per la cessione o sconto in fattura in luogo delle detrazioni fiscali

La norma consente ai soggetti che, negli anni 2020 e 2021, sostengono alcune spese in materia edilizia ed energetica per le quali è previsto un meccanismo di detrazione dalle imposte sui redditi, di usufruire di tali agevolazioni sotto forma, alternativamente, di:

  • un contributo, sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto fino a un importo massimo pari al corrispettivo dovuto, che viene anticipato dai fornitori che hanno effettuato gli interventi, il quale può recuperarlo sotto forma di credito d'imposta, con facoltà di successiva cessione del credito ad altri soggetti.
    Il credito di imposta è di importo pari alla detrazione spettante, che può coinvolgere più fornitori e che può essere ceduto anche a istituti di credito e gli altri intermediari finanziari;
     
  • per la cessione di un credito d'imposta di pari ammontare, con facoltà di successiva cessione ad altri soggetti, inclusi istituti di credito e altri intermediari finanziari, così precisando che la trasformazione della detrazione in credito di imposta opera solo all’atto della cessione ad altri soggetti.

È consentito di esercitare la predetta opzione in relazione a ciascuno stato di avanzamento dei lavori.

In particolare, per gli interventi di cui all’articolo 119 del provvedimento in esame (cd. ecobonus, sismabonus, incentivi per il fotovoltaico e per l’installazione di colonnine elettriche.

Gli stati di avanzamento dei lavori non possono essere più di due per ciascun intervento complessivo e ciascuno stato di avanzamento deve riferirsi ad almeno il 30 per cento del medesimo intervento.

In quali casi si applica lo sconto in fattura

Le norme suddette si applicano alle spese relative agli interventi di:

  1. recupero del patrimonio edilizio (di cui all'articolo 16-bis, comma 1, lettere a) e b), del TUIR.
    Le lettere a) e b), dell’articolo 16-bis, si riferiscono agli interventi di manutenzione, restauro e ristrutturazione edilizia sulle parti comuni dell’edificio o sulle singole unità immobiliari.
    In estrema sintesi tale agevolazione fiscale consiste in una detrazione dall’Irpef del 36% delle spese sostenute, fino a un ammontare complessivo delle stesse non superiore a 48.000 euro per unità immobiliare.
    Per le spese sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2021 è possibile usufruire di una detrazione più elevata (50%) e il limite massimo di spesa è di 96.000 euro.
    La detrazione deve essere ripartita in 10 quote annuali di pari importo;
     
  2. efficienza energetica (di cui all’articolo 14, del decreto-legge 4 giugno 2013, n. 63 e di cui ai commi 1 e 2 dell'articolo 119 del provvedimento in esame).
    In sintesi, l'agevolazione consiste in una detrazione dall'Irpef o dall' Ires concessa quando si eseguono interventi che aumentano il livello di efficienza energetica degli edifici esistenti.
    Essa, da ripartire in 10 rate annuali di pari importo, varia a seconda che l’intervento riguardi la singola unità immobiliare o gli edifici condominiali e dell’anno in cui è stato effettuato.
    Condizione indispensabile per fruire dell’agevolazione è che gli interventi siano eseguiti su unità immobiliari e su edifici (o su parti di edifici) esistenti, di qualunque categoria catastale, anche se rurali, compresi quelli strumentali per l’attività d’impresa o professionale.
    L'agevolazione può essere richiesta per le spese sostenute entro il 31 dicembre 2021.
    Per la maggior parte degli interventi è pari al 65%, per altri spetta nella misura del 50%;
     
  3. adozione di misure antisismiche.
    Per gli interventi di adozione di misure antisismiche il decreto legge n. 63 del 2013 ha introdotto il cosiddetto “sisma bonus”, prevedendo detrazioni maggiori di quelle previste per le ristrutturazioni edilizie, nonché regole più specifiche; a seconda del risultato ottenuto con l’esecuzione dei lavori, della zona sismica in cui si trova l’immobile e della tipologia di edificio, sono concesse detrazioni differenti.
    Per le spese sostenute tra il 1º gennaio 2017 e il 31 dicembre 2021, la percentuale di detrazione può arrivare fino all’85% e deve essere ripartita in 5 quote annuali di pari importo.
    Le detrazioni possono essere usufruite anche dai soggetti passivi Ires e, dal 2018, dagli Istituti autonomi per le case popolari e dagli enti che hanno le stesse finalità sociali, nonché dalle cooperative di abitazione a proprietà indivisa;
     
  4. recupero o restauro della facciata degli edifici esistenti (cd. bonus facciate) inclusi quelli di sola pulitura o tinteggiatura esterna, di cui all’articolo 1, comma 219, della legge di Bilancio 2020 (27 dicembre 2019, n. 160).
    Sono inclusi anche gli interventi di lavori di rifacimento della facciata, che non siano di sola pulitura o tinteggiatura esterna, e che riguardino interventi influenti dal punto di vista termico o interessino oltre il 10 per cento dell'intonaco della superficie disperdente lorda complessiva dell'edificio.
    L’agevolazione consiste in una detrazione d’imposta, da ripartire in 10 quote annuali costanti, pari al 90% delle spese sostenute nel 2020 per interventi, compresi quelli di sola pulitura o tinteggiatura esterna, finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna degli edifici esistenti ubicati in determinate zone.
    Sono ammessi al beneficio esclusivamente gli interventi sulle strutture opache della facciata, su balconi o su ornamenti e fregi;
     
  5. installazione di impianti fotovoltaici...
    di cui al già richiamato articolo 16-bis, comma 1, lettera h) del richiamato TUIR, ivi compresi gli impianti di cui ai commi 5 e 6 dell'articolo 119 del provvedimento suindicato;
     
  6. installazione di colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici (di cui all’articolo 16-ter del richiamato decreto-legge n. 63 del 2013 e di cui al comma 8 dell'articolo 119 ).
    La legge di Bilancio 2019 ha introdotto una detrazione fiscale relativa alle infrastrutture di ricarica delle auto elettriche.
    In particolare, l’agevolazione è riconosciuta per le spese sostenute dal 1° marzo 2019 al 31 dicembre 2021 per l’acquisto e la posa in opera delle colonnine, compresi i costi iniziali per la richiesta di potenza addizionale fino a un massimo di 7 kW.
    Il beneficio va ripartito in dieci quote annuali di pari importo, spetta nella misura del 50% delle spese sostenute ed è calcolato su un ammontare complessivo non superiore a 3mila euro (articolo 1, comma 1039, della legge n. 145 del 2018, che ha introdotto il nuovo articolo 16-ter al decreto-legge n. 63 del 2013).

Le disposizioni si pongono esplicitamente in deroga alla vigente disciplina che consente, per le ristrutturazioni edilizie e la riqualificazione energetica, di cedere il credito derivante dalla detrazione, ovvero di usufruirne come contributo a titolo di sconto.

 

Utilizzo dei crediti di imposta

I crediti d’imposta in questione sono utilizzati in compensazione (ai sensi dell'articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241), sulla base delle rate residue di detrazione non fruite, e con la stessa ripartizione in quote annuali con la quale sarebbe stata utilizzata la detrazione.

La quota di credito d’imposta non utilizzata nell'anno non può essere usufruita negli anni successivi e non può essere richiesta a rimborso.

Ad esso non si applicano i limiti all’utilizzo in compensazione (elevati a un milione di euro dall’articolo 147 del decreto legge in esame), di cui alla legge n. 388 del 2000, e quello annuale di 250 mila euro, di cui alla legge n. 244 del 2007.

Le disposizioni in esame derogano all’articolo 31, comma 1, del decreto-legge n. 78, del 31 maggio 2010, che vieta la compensazione dei crediti relativi alle imposte erariali in presenza di debiti iscritti a ruolo, per imposte erariali ed accessori, di ammontare superiore a 1.500 euro.

 I controlli delle Entrate

È disposto che, ai fini del controllo, si applichino le attribuzioni e i poteri di accertamento in tema di imposte sui redditi, posti in capo all’Amministrazione finanziaria dagli articoli 31 e seguenti del DPR 29 settembre 1973, n. 600.

I fornitori e i soggetti cessionari rispondono solo per l’eventuale utilizzo del credito d’imposta in modo irregolare o in misura maggiore rispetto al credito ricevuto.

L’Agenzia delle entrate, nell’ambito dell’ordinaria attività di controllo procede, in base a criteri selettivi e tenendo anche conto della capacità operativa degli uffici, alla verifica documentale della sussistenza dei presupposti che danno diritto alla detrazione d’imposta negli ordinari termini di accertamento.

In assenza dei requisiti che danno diritto alla detrazione, l’Agenzia delle entrate provvede a recuperare l’importo corrispondente alla detrazione non spettante, maggiorato di interessi e sanzioni.

Tale importo è maggiorato degli interessi per ritardata iscrizione a ruolo (di cui all’articolo 20 del DPR 29 settembre 1973, n. 602) e delle sanzioni per utilizzo di crediti di imposta in misura superiore a quella spettante, ovvero inesistenti (di cui all’ articolo 13, del D. Lgs. 18 dicembre 1997, n. 471).

È previsto che il recupero del predetto importo sia effettuato nei confronti del soggetto beneficiario delle originarie detrazioni.

Resta ferma, in presenza di concorso nella violazione, l’applicazione della norma per cui, ove più persone concorrono in una violazione, ciascuna di esse soggiace alla sanzione per questa disposta.

Rimane ferma anche la responsabilità in solido del fornitore che ha applicato lo sconto e dei cessionari per il pagamento dell’importo maggiorato di sanzioni e interessi. 

 
Altri articoli...
<< Inizio < Prec. 1 2 3 Pross. > Fine >>

Risultati 1 - 7 di 21